Legge 2 dicembre 2005, n. 248
Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 30 settembre 2005, n. 203, recante misure di contrasto all'evasione fiscale e disposizioni urgenti in materia tributaria e finanziaria
(G.U. 2 dicembre 2005, n. 281)

Art. 1. Partecipazione dei comuni al contrasto all'evasione fiscale

1. Per potenziare l'azione di contrasto all'evasione fiscale e contributiva, in attuazione dei principi di economicit? efficienza e collaborazione amministrativa la partecipazione dei comuni all'accertamento fiscale e contributivo ?incentivata mediante il riconoscimento di una quota pari al 33 per cento delle maggiori somme relative a tributi statali riscosse a titolo definitivo nonch?delle sanzioni civili applicate sui maggiori contributi riscossi a titolo definitivo, a seguito dell'intervento del comune che abbia contribuito all'accertamento stesso.
(comma cos?sostituito dall'articolo 18, comma 5, legge n. 122 del 2010)

2. Con provvedimento del direttore dell'Agenzia delle entrate, emanato entro quarantacinque giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto, d'intesa con l'INPS e la Conferenza unificata, sono stabilite le modalit?tecniche di accesso alle banche dati e di trasmissione ai comuni, anche in via telematica, di copia delle dichiarazioni relative ai contribuenti in essi residenti, nonch?quelle della partecipazione dei comuni all'accertamento fiscale e contributivo di cui al comma 1. Per le attivit?di supporto all'esercizio di detta funzione di esclusiva competenza comunale, i comuni possono avvalersi delle societ?e degli enti partecipati dai comuni stessi ovvero degli affidatari delle entrate comunali i quali, pertanto, devono garantire ai comuni l'accesso alle banche dati utilizzate. Con il medesimo provvedimento sono altres?individuate le ulteriori materie per le quali i comuni partecipano all'accertamento fiscale e contributivo; in tale ultimo caso, il provvedimento, adottato d'intesa con il direttore dell'Agenzia del territorio per i tributi di relativa competenza, pu?prevedere anche una applicazione graduale in relazione ai diversi tributi.
(comma cos?sostituito dall'articolo 18, comma 5, legge n. 122 del 2010)

2-bis. Nelle province autonome di Trento e di Bolzano rimane fermo quanto previsto dallo statuto speciale e dalle relative norme di attuazione, ed in particolare dall'articolo 13 del decreto legislativo 16 marzo 1992, n. 268.

2-ter (abrogato dall'articolo 18, comma 5, legge n. 122 del 2010)

Art. 1-bis. Norme per la semplificazione delle procedure di iscrizione al registro delle imprese ed al REA (omissis)

Art. 2. Norme in materia di rafforzamento e di funzionamento dell'Agenzia delle entrate, della Agenzia delle dogane e della Guardia di finanza (omissis)

Art. 2-bis. Comunicazione degli esiti della liquidazione delle dichiarazioni (omissis)

Art. 2-ter. Prodotti con false o fallaci indicazioni (omissis)

Art. 3. Disposizioni in materia di servizio nazionale della riscossione (omissis)

Art. 3-bis. Disposizioni in materia di giustizia tributaria (omissis)

Art. 3-ter. Differimento di termine (omissis)

Art. 4. Ambito di applicazione (omissis)

Art. 5. Plusvalenze finanziarie delle societ? (omissis)

Art. 5-bis. Ammortamento dell'avviamento (omissis)

Art. 5-ter. Durata del contratto di leasing immobiliare (omissis)

Art. 5-quater. Modifica all'articolo 65 della legge 27 dicembre 2002, n. 289 (omissis)

Art. 5-quinquies. Indeducibilit?di minusvalenze su dividendi non tassati

1. All'articolo 109 del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, dopo il comma 3, sono inseriti i seguenti:
"3-bis. Le minusvalenze realizzate ai sensi dell'articolo 101 sulle azioni, quote e strumenti finanziari similari alle azioni che non possiedono i requisiti di cui all'articolo 87 non rilevano fino a concorrenza dell'importo non imponibile dei dividendi, ovvero dei loro acconti, percepiti nei trentasei mesi precedenti il realizzo. Tale disposizione si applica anche alle differenze negative tra i ricavi dei beni di cui all'articolo 85, comma 1, lettere c) e d), e i relativi costi.
3-ter. Le disposizioni del comma 3-bis si applicano con riferimento alle azioni, quote e strumenti finanziari similari alle azioni acquisite nei trentasei mesi precedenti il realizzo, sempre che soddisfino i requisiti per l'esenzione di cui alle lettere c) e d) del comma 1 dell'articolo 87.
3-quater. Resta ferma l'applicazione dell'articolo 37-bis del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600, anche con riferimento ai differenziali negativi di natura finanziaria derivanti da operazioni iniziate nel periodo d'imposta o in quello precedente sulle azioni, quote e strumenti finanziari similari alle azioni di cui al comma 3-bis"
.

2. Le disposizioni di cui al comma 1 si applicano alle minusvalenze e alle differenze negative realizzate a decorrere dal 1?gennaio 2006.

3. Relativamente alle minusvalenze e alle differenze negative di cui al comma 1, di ammontare superiore a 50.000 euro, derivanti da operazioni su azioni o altri titoli negoziati, anche a seguito di pi?operazioni, in mercati regolamentati italiani o esteri e realizzate a decorrere dal periodo d'imposta cui si applicano le disposizioni del decreto legislativo 12 dicembre 2003, n. 344, il contribuente comunica all'Agenzia delle entrate i dati e le notizie necessari al fine di consentire l'accertamento della conformit?delle relative operazioni alle disposizioni dell'articolo 37-bis del d.P.R. 29 settembre 1973, n. 600. Con provvedimento del direttore dell'Agenzia delle entrate sono stabiliti i dati e le notizie oggetto delle comunicazioni, nonch?le procedure e i termini delle stesse.
(comma cos?modificato dall'articolo 11, comma 2, legge n. 44 del 2012)

4. Ai fini del versamento degli acconti delle imposte sui redditi e dell'imposta regionale sulle attivit?produttive relativi al periodo di imposta che ha inizio a decorre dal 1?gennaio 2006, gli acconti sono calcolati assumendo come imposte del periodo precedente quelle che si sarebbero determinate tenendo conto delle disposizioni del presente articolo.

Art. 5-sexies. Interventi in favore dell'utilizzo di GPL e metano per autotrazione (omissis)

Art. 6. Banche ed assicurazioni (omissis)

Art. 6-bis. Tassa sui contratti di borsa (omissis)

Art. 6-ter. Disposizioni concernenti l'ANAS S.p.a. (omissis)

Art. 7. Immobili di propriet? delle imprese (omissis)

Art. 7-bis. Disposizioni in materia di unit?immobiliari degli enti previdenziali (omissis)

Art. 7-ter. Privatizzazione di enti e aziende delle regioni

1. All'articolo 115 del testo unico di cui al decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, e successive modificazioni, ?aggiunto, in fine, il seguente comma: "7-ter. ... (omissis)"

(omissis)

Art. 7-quater. Rappresentanza presso gli uffici dell'amministrazione (omissis)

Art. 7-quinquies. Competenza sull'assistenza fiscale e norme di coordinamento (omissis)

Art. 7-sexies. Asseverazione degli studi di settore (omissis)

Art. 8. Compensazioni alle imprese che conferiscono il TFR a forme pensionistiche complementari (omissis)

Art. 8-bis. Incremento dei livelli occupazionali (omissis)

Art. 9. Potenziamento di strumenti di programmazione finanziaria nel settore (omissis)

Art. 10. Trasferimento all'I.N.P.S. di competenze in materia di invalidit?civile e certificazione di regolarit?contributiva ai fini dei finanziamenti comunitari (omissis)

Art. 10-bis. Efficienza delle amministrazioni pubbliche

1. In considerazione delle disposizioni di legge rivolte al contenimento delle spese per incarichi e rapporti di collaborazione da parte delle pubbliche amministrazioni e al fine di assicurare trasparenza ed efficacia all'attivit? amministrativa, anche tramite l'attivazione di un numero verde per la segnalazione, da parte dei cittadini, di ritardi o inadempienze, all'articolo 60, comma 6, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, sono aggiunti, in fine, i seguenti periodi: ęPer l'esercizio delle funzioni ispettive connesse, in particolare, al corretto conferimento degli incarichi e ai rapporti di collaborazione, svolte anche d'intesa con il Ministero dell'economia e delle finanze, l'ispettorato si avvale dei dati comunicati dalle amministrazioni al Dipartimento della funzione pubblica ai sensi dell'articolo 53. L'ispettorato, inoltre, al fine di corrispondere a segnalazioni da parte di cittadini o pubblici dipendenti circa presunte irregolarit? ritardi o inadempienze delle amministrazioni, di cui all'articolo 1, comma 2, pu?richiedere chiarimenti e riscontri in relazione ai quali l'amministrazione interessata ha l'obbligo di rispondere, anche per via telematica, entro quindici giorni. A conclusione degli accertamenti, gli esiti delle verifiche svolte dall'ispettorato costituiscono obbligo di valutazione, ai fini dell'individuazione delle responsabilit?e delle eventuali sanzioni disciplinari di cui all'articolo 55, per l'amministrazione medesima. Gli ispettori, nell'esercizio delle loro funzioni, hanno piena autonomia funzionale ed hanno l'obbligo, ove ne ricorrano le condizioni, di denunciare alla procura generale della Corte dei conti le irregolarit? riscontrate?/em>.

2. Al fine di garantire il rafforzamento delle attivit?di semplificazione delle norme e delle procedure amministrative e di monitoraggio dei servizi resi dalla pubblica amministrazione alle imprese e ai cittadini, nonch?delle attivit?connesse alla gestione del personale in eccedenza di cui agli articoli 34 e 34-bis del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni, la Presidenza del Consiglio dei ministri - Dipartimento della funzione pubblica si avvale, per un periodo non superiore a quattro anni, di un contingente di personale di 30 unit?

3. Alla copertura del contingente si provvede attraverso l'utilizzo temporaneo dei segretari comunali e provinciali di cui all'articolo 3-ter del decreto-legge 28 maggio 2004, n. 136, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 luglio 2004, n. 186, gi?in posizione di disponibilit?ai sensi dell'articolo 101 del testo unico di cui al decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, alla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto e con invarianza del trattamento economico complessivo. L'utilizzo temporaneo cessa nel caso di conferimento di incarico ai segretari da parte di un comune o di una provincia.

4. Le modalit?di utilizzo temporaneo dei segretari comunali e provinciali di cui al comma 3 e di trasferimento delle relative risorse sono disciplinate con decreto del Ministro per la funzione pubblica, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze, senza maggiori oneri a carico della finanza pubblica.

5. Al fine di garantire l'efficienza e l'omogeneit?su tutto il territorio nazionale dell'attivit?di rilevazione statistica, l'ISTAT ?autorizzato a costituire una societ?di rilevazione statistica con la partecipazione di regioni, enti locali, autonomie funzionali e loro associazioni, sottoposta alla vigilanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della funzione pubblica. La societ?di rilevazione statistica nazionale pu?avvalersi di rapporti di lavoro privato subordinato e di forme di collaborazione. Il personale impiegato a tal fine presso l'ISTAT e le amministrazioni centrali e gli enti pubblici partecipanti alla societ?pu?transitare in questa per trasferimento di attivit? ai sensi dell'articolo 31 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165. Con apposito regolamento, da emanare entro centoventi giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, sono disciplinati l'organizzazione ed il funzionamento della societ?. I contratti di collaborazione attivati dall'ISTAT in essere alla data del 30 settembre 2005, finalizzati alla rilevazione statistica delle forze di lavoro del settore pubblico e privato, possono essere prorogati fino alla costituzione della societ?di cui al presente comma e, comunque, non oltre il 31 dicembre 2007. I relativi oneri continuano ad essere posti a carico del bilancio dell'Istituto.
(comma cos? modificato dall'art. 1, comma 535, legge n. 296 del 2006)

6. 7. 8. 9. (omissis)

10. Le disposizioni dell'articolo 3, comma 2-bis, del decreto-legge 23 ottobre 1996, n. 543, convertito, con modificazioni, dalla legge 20 dicembre 1996, n. 639 e dell'articolo 18, comma 1, del decreto-legge 25 marzo 1997, n. 67, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 maggio 1997, n. 135, si interpretano nel senso che il giudice contabile, in caso di proscioglimento nel merito, e con la sentenza che definisce il giudizio, ai sensi e con le modalit?di cui all'articolo 91 del codice di procedura civile, non pu?disporre la compensazione delle spese del giudizio e liquida l'ammontare degli onorari e diritti spettanti alla difesa del prosciolto, fermo restando il parere di congruit?dell'Avvocatura dello Stato da esprimere sulle richieste di rimborso avanzate all'amministrazione di appartenenza.
(comma cos? modificato dall'art. 17, comma 30-quinquies, legge n. 102 del 2009)

Art. 10-ter. Trasferimenti patrimoniali da Sviluppo Italia S.p.a. ad ISA S.p.a. (omissis)

Art. 11. Totalizzazione dei periodi assicurativi ed integrazione tabella C della legge 30 dicembre 2004, n. 311 (omissis)

Art. 11-bis. Interventi in materia di programmazione dello sviluppo economico e sociale (omissis)

Art. 11-ter. Contenimento spese del bilancio dello Stato e degli enti pubblici non territoriali (omissis)

Art. 11-quater. Ammortamento dei beni materiali strumentali per l'esercizio di alcune attivit?regolate (omissis)

Art. 11-quinquies. Dismissione di immobili

1. Nell'ambito delle azioni di perseguimento degli obiettivi di finanza pubblica attraverso la dismissione di beni immobili pubblici, l'alienazione di tali immobili ? considerata urgente con prioritario riferimento a quelli il cui prezzo di vendita sia determinato secondo criteri e valori di mercato. L'Agenzia del demanio ?autorizzata, con decreto dirigenziale del Ministero dell'economia e delle finanze, di concerto con le amministrazioni che li hanno in uso, a vendere con le modalit?di cui all'articolo 7 del decreto-legge 24 dicembre 2002, n. 282, convertito, con modificazioni, dalla legge 21 febbraio 2003, n. 27, i beni immobili ad uso non prevalentemente abitativo appartenenti al patrimonio pubblico, ivi compresi quelli individuati ai sensi dei commi 13, 13-bis e 13-ter dell'articolo 27 del decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2003, n. 326, e successive modificazioni. L'autorizzazione all'operazione pu?ricomprendere anche immobili degli enti territoriali e delle altre pubbliche amministrazioni di cui all'articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni, in questo caso, ferme restando le previsioni dettate dal presente articolo, gli enti territoriali interessati individuano, con apposita delibera ai sensi e per gli effetti dell'articolo 58 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, gli immobili che intendono dismettere e le altre pubbliche amministrazioni di cui all'articolo 1, comma 2, del decreto legislativo n. 165 del 2001 provvedono secondo i rispettivi ordinamenti, fermo restando quanto previsto dall'articolo 6, comma 8, della legge 12 novembre 2011, n. 183. La delibera conferisce mandato al Ministero dell'economia e delle finanze per l'inserimento nel decreto dirigenziale di cui al secondo periodo del presente comma. E' in ogni caso vietata l'alienazione di immobili di cui al presente comma a societ?la cui struttura non consente l'identificazione delle persone fisiche o delle societ?che ne detengono la propriet?o il controllo. L'utilizzo di societ?anonime, aventi sede all'estero, nelle operazioni immobiliari di cui al presente comma ?vietato e costituisce causa di nullit?dell'atto di trasferimento. Fermi restando i controlli gi? previsti dalla vigente normativa antimafia, sono esclusi dalla trattativa privata i soggetti che siano stati condannati, con sentenza irrevocabile, per reati fiscali o tributari.
(comma modificato dall'art. 3, comma 2, legge n. 5 del 2013, poi cos?modificato dall'art. 20, comma 4-quater, legge n. 164 del 2014)

2. Ferma restando l'applicazione dell'articolo 27 del decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2003, n. 326, per la dismissione dei beni gi?individuati ai sensi dei commi 13, 13-bis e 13-ter; del medesimo articolo 27, la vendita fa venir meno l'uso governativo, le concessioni in essere e l'eventuale diritto di prelazione spettante a terzi anche in caso di rivendita. Si intendono applicabili, anche quanto alle dichiarazioni urbanistiche nonch?agli attestati inerenti la destinazione urbanistico-edilizia previsti dalla legge, le disposizioni di cui al secondo periodo del comma 17 dell'articolo 3 del decreto-legge 25 settembre 2001, n. 351, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 novembre 2001, n. 410, e successive modificazioni, nonch?al primo ed al secondo periodo del comma 18 e al comma 19 del medesimo articolo 3. Resta ferma l'applicazione degli articoli 12, 54, 55, 56 e 57 del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, per le procedure di dismissione successive a quelle di cui al primo periodo.

3. Agli atti di alienazione di cui al comma 1 del presente articolo o comunque connessi alla dismissione del patrimonio immobiliare di propriet?dello Stato si applicano le disposizioni di cui all'articolo 1, comma 275, della legge 30 dicembre 2004, n. 311.

4. Con decreto del Ministro dell'economia e delle finanze sono riconosciuti all'Agenzia del demanio i maggiori costi sostenuti per le attivit?connesse all'attuazione del presente articolo, a valere sulle conseguenti maggiori entrate.

5. All'articolo 27, comma 13-ter, del decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2003, n. 326, l'ultimo periodo ? soppresso.

6. Il disposto dell'articolo 3, commi 18 e 19, del decreto-legge 25 settembre 2001, n. 351, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 novembre 2001, n. 410, deve interpretarsi nel senso che lo Stato, gli enti pubblici nonch?le societ?di cui al comma 1 del citato articolo 3 del decreto-legge n. 351 del 2001 sono esonerati anche dall'obbligo di rendere le dichiarazioni urbanistiche richieste dalla legge per la validit?degli atti nonch?dall'obbligo di allegazione del certificato di destinazione urbanistica contenente le prescrizioni urbanistiche riguardanti le aree interessate dal trasferimento.

7. (omissis)

Art. 11-sexies. Razionalizzazione ed incremento dell'efficienza del settore del controllo del traffico aereo (omissis)

Art. 11-septies. Interventi a favore della sicurezza degli impianti ed operativa (omissis)

Art. 11-octies. Compensazione per gli eventi dell'11 settembre 2001 (omissis)

Art. 11-nonies. Razionalizzazione e incremento dell'efficienza del settore dei gestori aeroportuali (omissis)

Art. 11-decies. Competitivit? del sistema aeroportuale (omissis)

Art. 11-undecies. Sviluppo delle infrastrutture aeroportuali (omissis)

Art. 11-duodecies. Sicurezza aeroportuale (omissis)

Art. 11-terdecies. Royalties sui carburanti (omissis)

Art. 11-quaterdecies. Interventi infrastrutturali, per la ricerca e per l'occupazione

1. 2. (omissis)

3. (comma abrogato dall'art. 1, comma 338, legge n. 190 del 2014)

4. 5. 6. 7. (omissis)

8. Il comma 12 dell'articolo 9 della legge 6 dicembre 1991, n. 394, ?sostituito dal seguente: ?2. Gli organi dell'Ente parco durano in carica cinque anni?/em>.

9. All'articolo 17, commi 1, 2 e 6, lettera a), del decreto legislativo 13 gennaio 2003, n. 36, e successive modificazioni, le parole: ?1 dicembre 2005?/em> sono sostituite dalle seguenti: ?1 dicembre 2006?/em>. La disposizione del presente comma non si applica alle discariche di II categoria, di tipo A, di tipo ex 2A e alle discariche per inerti, cui si conferiscono materiali di matrice cementizia contenenti amianto, per le quali il termine di conferimento ?fissato alla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto.
(comma cos? modificato dall'articolo 22-bis della legge n. 51 del 2006)

10. 11. 12. (omissis)

13. Entro ventiquattro mesi dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, il Ministro delle attivit?produttive di concerto con il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio, emana uno o pi?decreti, ai sensi dell'articolo 17 della legge 23 agosto 1988, n. 400, volti a disciplinare:

a) il riordino delle disposizioni in materia di attivit?di installazione degli impianti all'interno degli edifici;
b) la definizione di un reale sistema di verifiche degli impianti di cui alla lettera a) con l'obiettivo primario di tutelare gli utilizzatori degli impianti garantendo una effettiva sicurezza;
c) la determinazione delle competenze dello Stato, delle regioni e degli enti locali secondo i principi di sussidiariet?e di leale collaborazione, anche tramite lo strumento degli accordi in sede di Conferenza unificata di cui all'articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281;
d) la previsione di sanzioni in caso di violazione degli obblighi stabiliti dai provvedimenti previsti alle lettere a) e b).

14. 15. (omissis)

16. Ai fini dell'applicazione del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504, la disposizione prevista dall'articolo 2, comma 1, lettera b) dello stesso decreto si interpreta nel senso che un'area ?da considerare comunque fabbricabile se ?utilizzabile a scopo edificatorio in base allo strumento urbanistico generale, indipendentemente dall'adozione di strumenti attuativi del medesimo.
(coma implicitamente sostituito dall'articolo 36, comma 2, legge n. 248 del 2006)

17. 18. 19. 20. 21. (omissis)

Art. 11-quinquiesdecies. Contrasto alla diffusione del gioco illegale (omissis)

Art. 11-sexiesdecies. Applicazione degli articoli 11-sexies 11-septies, 11-nonies e 11- decies (omissis)

Art. 12. Copertura finanziaria (omissis)

Art. 13. Entrata in vigore (omissis)

亚洲男人的天堂网站_日本特a级_日本特级黄在线观看_亚洲 欧美图片区无码